|

giovedì 23 maggio 2013

Frax equivalente a metodi più semplici nella stima del rischio di frattura

L’algoritmo Frax fornisce una stima del rischio di frattura osteoporotica indipendente dalla misura della densità ossea pari a quella di strumenti più semplici.

frax_altri_metodi

Questa la conclusione di un recente studio danese che ha confrontato il potere predittivo di una serie di strumenti analitici sviluppati per il calcolo del rischio di frattura osteoporotica. Frax è un algoritmo predittivo del rischio di frattura che combina la misura della densità ossea valutata al livello del collo del femore ed altri fattori di rischio clinici.

Nello studio, i ricercatori hanno seguito oltre 3600 donne di età compresa tra 40 e 90 anni per tre anni dopo aver condotto una valutazione del rischio di frattura osteoporotica attraverso Frax ed altri metodi più elementari (FRAX®, OST, ORAI, OSIRIS SCORE) registrando l’incidenza di fratture osteoporotiche primarie.

Gli autori hanno così concluso che, in assenza di misurazione diretta della densità minerale ossea, non vi erano differenze statisticamente significative nell’accuratezza della stima del rischio di frattura fra i distinti metodi utilizzati, e il livello di concordanza era piuttosto elevato.

Queste osservazioni suggeriscono che l’utilizzo di metodi più semplici, che richiedono la conoscenza di un numero inferiore di fattori di rischio, potrebbe essere più vantaggioso per gli studi di medicina generale per identificare le donne esposte ad un concreto rischio di frattura.

Source:Rubin KH, Abrahamsen B, Friis-Holmberg T et al. Comparison of different screening tools (FRAX®, OST, ORAI, OSIRIS, SCORE and age alone) to identify women with increased risk of fracture. A population-based prospective study. Bone. 2013 May 10.